31 gennaio 2018

HERO AT THE FALL by Alwyn Hamilton | Q&A @ London launch event 25.01.2018

On january 25th I attended the Hero at the Fall book launch event at Waterstones in London. It was an amazing experience and I was really glad to have the chance to meet Alwyn Hamilton in person.

Down below you can find the transcription of the Q&A held by Samantha Shannon author of The Bone Season series. #enjoy <3 

Question: Rebel of the Sands was your very first novel, in 2015. How does it feels to have completed the series?
Answer: I really thought that I would feel sad and, in a certain way, I do feel sad that I'm not writing in this world anymore, but it does feel also a real satisfaction. I feel like I wraped up everything I wanted to, I haven't left the series thinking I didn't get to this person or wrap up that storyline… I'm really happy about the ending.
I feel like it's time to make new fictional friends, and because it's written in first person it's been a long time talking to just one character.
It's been great and I really loved it, I know everything about Amani and hopefully by the end of the third book you will know everything about Amani and her story too.

Q:You said that Rebel of the Sands was the sixth book you wrote in your life, was this your first fantasy?
A: The one before RotS was the only fantasy one. At the time there were many fantasy YA books out there, there was lot of dystopia, paranormal and, back then, I read a lot of fantasy. They say you usually start writing what you are reading… So I finally came around fantasy, which was always my true love, and the fifth was the book that almost worked. I was feeling that I was almost there because was fantasy, so I decided to take a break from it and to start developing this new idea I had about a girl who was a sharp shooter, and I never looked back.

Q: We know that books can change hell of a lot during editing, so does your book look like you originally imagined or there have been main changes?
A: I don't think that there have been changes that are completely antithetical from the original idea, but the original thought was that it would be one book. And at some point I got to half way across the desert and it was  50 thousands words and I sort of looked and realise that it's going to be 400 thousands words if I try to do it in one go, and you don't want that, it would injure you… [laughs]

So I decided that I had to restructure it, but I've always knew what was the ending.
Just one thing changed: one of the characters who dies in Hero, I've always pictured it as part of the end. But I've reached a point where this character has been saved too many times and it needed to go.
I left it in the first draft of Hero, where it was miraculously saved, and the editors said "100% we've already read that, we thought that this character was dead … it needs to die" – and I said "I know, I just wanted to keep him alive for one draft!"

Q:What was your favourite part of the publishing journey for Rebel of the Sands?
A: Knowing that I was able to write a back to back book and carry on characters, it was personally satisfying. Another thing is to get talk to people, because I've already said that when I was drafting RotS  I was glad I had a full time job, because at some point it really got into my mind. I was writing during the weekends: on Friday and Saturday I was doing really well, but on Sunday it was getting a little bit crazy… being by yourself for a long time… it's all in your head, so when you go out and talk to people it's really nice !

Q: Every writer has one difficult book, did you have a particular book that you've found the most challenging one and why?
A: I think Hero was probably the hardest. I enjoyed writing all of them, I've always been prepared of dreading for Traitor, because everyone says that the second is the hardest. The first book, most of us write it without a contract and you have all the time of the world, and if you want to spend three years on it, it's ok; whereas for your second book you do it under contract and you have to do it in 6 month, you agree to that and it's a little bit more stressful. That's why I was stressed for Traitor, but in the end I thought that it wasn't as bad as everyone said it would be. And the third one was more like tidying up, and I'm not a tidy person. [laughs]

Q: How did you come up with the titles?
A: I think we got Hero as soon as we got Traitor. Traitor decided the structure of the titles in the series. We had a lot of trouble to come up with Traitor because I was stuck on "of the" … Traitor of the palace, Traitor of the … and someone said "what if we change of the with to the?
For a long time we got as well Hero of the desert which was a little bit too generic.
And then I was at the book tour in America and the title discussion came up while I was talking to Renéé Ahdieh, author of the Wrath and the Dawn who is really good at book titles. She said "what if it's Hero at the Fall", and the editor said "I like this, what do you say?". So in the end, after something like 85 other titles, it was a bit like a cacophonie, and people could have said anything and I would have said that's ok!
In the end was Rebel, Traitor, Hero so it was like a sort of progression towards the concept of hero.

Q: Which Rebel character is one of your favourite?
A: Shazad! It was always really important to me that there were other women, so that Amani would not be the only girl, and that she had a female friend. In a very early draft of it, there was a bit were Shazad and Amani were quite antagostists, but it didn't work. It's so boring having girls against each other about boys, so I revamped Shazad and I made them respect each other because they are both girls fighting together for a cause.
There's this scene on the train (in Rebel of the Sands, nda) where a bunch of people falls under the rails. My agent told me "If she falls under the train I am not representing this book!" So I catch her alive, otherwise I won't be here! [laughs]

Q: What kind of research did you do for your books, especially about ships?
A: I did! Else I wouldn't be able to write about ships!  They are so complicated!
I don't normally do this, but I got the idea from Rachel Hawkins, Author of Rebel Belle. She told me that when she handed in the draft for Rebel belle, she did it with the final scene in brackets "(and an epic fight happens)". And so, in my first draft I couldn't figure out this particular ship scene and I cut it out in the middle and wrote in brackets "I haven't figure it out how it happens yet, but they stole a boat here. So in the next scene they'll be on a boat, don't get confused!"
Then I spoke to someone and realised that you actually can't stole a boat, if you are not at least 12 people who knows how to sail a ship. And in my idea there was two of them who was trying to steel a boat … so I realised that it was not going to work!

Q: Are you working on something?
A: I cannot say much, I can see my editor shaking her head now… Can I tell a tiny hint? [She asks her Editor who is in the room]
Okay. Yes, I'm working on something… I can tell you that is set  in the same world  of the Rebel Series, but with different characters one of whom is the grand daughter of one of the characters from Rebel of the Sands series.

Buongiorno miei carissimi lettori,
oggi ho per tutti coloro che sono fan della serie Rebel.Il Deserto in fiamme di Alwyn Hamilton una vera chicca!

Il 25 gennaio ho partecipato all'evento organizzato per l'uscita UK di Hero At The Fall (titolo ita: Rebel. Una nuova Alba) presso la libreria Waterstones a Londra.
Adoro incredibilmente questa serie e non saprei descrivervi a parole l'emozione provata nell'incontrare l'autrice dal vivo! Alwyn Hamilton è una ragazza simpaticissima, con la battuta sempre pronta, e seguire l'intervista durante l'evento è stato un vero spasso!

Dopo aver fatto un po' di fila ed essere entrati in possesso della borsa di tela con i gadget realizzati per l'occasione e la mia copia di HATF, ci hanno fatto accomodare nella sala dove sarebbe avvenuta la presentazione. C'erano anche dei deliziosi mini cupcakes decorati con un quadratino di pasta di zucchero su cui erano state stampate le cover della serie e alcune fan art (vedi foto qui a fianco).

Qui di seguito trovate la trascrizione di alcune delle domande fatte da Samantha Shannon, autrice della serie The Bone Season, ad Alwyn Hamilton! 
Troverete diverse curiosità sui suoi romanzi, alcuni divertenti aneddoti e qualche informazione sul suo nuovo progetto editoriale !!

Informazioni e trama

Titolo originale: Hero at the fall
Autore: Alwyn Hamilton
SerieRebel of the Sands #3
Editore: Giunti
Data di pubblicazione: 15 novembre 2017
Lingua: italiano

TRAMA: Fuggendo dal suo sperduto paesino nel deserto, mai Amani avrebbe immaginato di unirsi a una ribellione e tanto meno di prenderne da sola il comando. Ma quando il sanguinario Sultano del Miraji imprigiona il Principe Ribelle nella mitica città di Eremot, non le rimane altra scelta. 
Armata solo della sua infallibile mira, della sua intelligenza e dei suoi poteri Demdji, Amani guida lo sparuto esercito dei ribelli in una missione attraverso le distese implacabili del deserto, per soccorrere i compagni. 
Ma quando vede proprio coloro che più ama mettere a repentaglio le proprie vite per affrontare Gul e soldati nemici, si chiede se davvero è lei la leader di cui hanno bisogno o se invece non li stia guidando tutti alla morte. 
Amore, vita, morte, queste le parole chiave delle scelte che la aspettano.
Domanda:  nel 2015, Rebel. Il deserto in Fiamme è stato il tuo primo romanzo ad essere stato pubblicato. Come ci si sente ad aver portato a termine la serie?
Risposta: Pensavo che sarebbe stato triste e, in un certo senso, mi sento triste per il fatto che non scriverò più di questo mondo, ma sento anche una vera e propria soddisfazione. Inoltre, penso di aver concluso ogni cosa che volevo nel romanzo, non ho finito la serie pensando "Non sono riuscita dare a quel  personaggio il finale che desideravo oppure non sono riuscita a concludere quella storyline…" sono davvero felice del finale.
Sento che è arrivato il momento di fare nuovi amici inventati, e dato che la serie di Rebel è scritta in prima persona, mi sembra di passato fin troppo tempo a parlare con un solo personaggio. E' stato fantastico e l'ho amato. So tutto ormai di Amani e spero che anche voi conosciate ogni singolo aspetto della sua storia una volta giunti alla fine del terzo romanzo.

D: Hai detto che Rebel. Il Deserto in Fiamme è stato il sesto romanzo che hai scritto nella tua vita, è stato anche il tuo primo fantasy?
R:  L'unico altro fantasy che abbia mai scritto è stato il romanzo scritto prima di Rebel. All'epoca c'erano così tanti fantasy YA là fuori… c'erano molti romanzi distopici, paranormal e, al tempo, leggevo moltissimi fantasy. Dicono che generalmente si tenda a scrivere in base a ciò che leggi… ecco quindi che alla fine mi sono messa a scrivere fantasy, il mio vero amore. Il quinto libro è stato il romanzo che ha quasi funzionato. Sentivo di esserci quasi perché era un fantasy, così ad un certo punto ho deciso di prendermi una pausa da quel romanzo e di sviluppare nel frattempo questa nuova idea che avevo in mente su una ragazza che era un'infallibile tiratrice… e non ho più guardato indietro.

D: Sappiamo che i libri possono cambiare tantissimo durante l'editing, quindi il tuo libro è esattamente come lo avevi ideato o sono stati fatti cambiamenti determinanti?
R:  Non penso siano stati fatti cambiamenti decisamente antitetici rispetto all'idea originale, tuttavia l'idea originale prevedeva un unico libro. Ad un certo punto, sono arrivata a metà del viaggio nel deserto e mi sono resa conto che avevo scritto circa 50 mila parole e ho quindi realizzato che se avessi continuato con un unico libro sarebbe stato di più di 400 mila parole, e sono certa che non volete questo, vi avrebbe fatto male… [ride]

Quindi ho deciso di ristrutturarlo, ma ho sempre saputo quale sarebbe stato il finale.
Solo una cosa è cambiata: uno dei personaggi che muore in Rebel. Una Nuova Alba, l'ho sempre immaginato come parte del finale. Ma avevo raggiunto il punto in cui questo personaggio era stato salvato fin troppe volte e era arrivato il momento di lasciarlo andare.
L'ho lasciato nella primissima bozza di Rebel. Una Nuova Alba dove veniva miracolosamente salvato, e il mio editor mi ha detto "abbiamo già letto questa cosa al 100%, pensavamo che questo personaggio sarebbe morto… deve morire" – e io "lo so, volevo solo mantenerlo in vita per una bozza!".

D: Quale è stata la parte migliore del tuo viaggio editoriale per Rebel?
R: Sapere di essere capace di scrivere un libro da cima a fondo e di portare avanti i miei personaggi, personalmente, è stato davvero gratificante. Un'altra cosa è stata la possibilità di parlare con le persone, perché come ho già detto mentre stavo scrivendo la prima bozza di Rebel  sono stata davvero felice di avere avuto un lavoro a tempo pieno, perché ad un certo punto la mia sanità mentale ha cominciato a risentirne. Scrivevo durante i weekend: il venerdì e il sabato andava tutto bene, mentre la Domenica sentivo di star per diventare un po' pazza… stare da sola per tutto quel tempo… è tutto nella tua testa… quindi, quando esci di casa e parli con persone in carne e ossa è davvero bello!

D: Ogni autore ha un libro "difficile". C'è un libro in particolare che è stato il più impegnativo da scrivere e perché?
R: Penso che Rebel. Una nuova alba  sia stato il più difficile. Mi è piaciuto scrivere tutti e tre, e sono sempre stata preparata psicologicamente al fatto che Il Tradimento sarebbe stato il più difficile, dato che tutti dicono che il secondo sia il più faticoso.
Il primo libro, molti di noi lo scrivono senta contratto e hai tutto il tempo del mondo, e se vuoi puoi anche passare tre anni a scriverlo e non c'è problema. Mentre per il secondo, sei sotto contratto e hai 6 mesi per scriverlo, tu accetti e scrivere diventa un po' più stressante.
Ecco perché ero un po' spaventata e stressata per la stesura di Il Tradimento, ma alla fine penso che non sia stato così male come tutti dicono. Il terzo è stato un po' come mettere tutto in ordine, e io non sono una persona ordinata!

D: Come hai ideato i titoli?
R: Penso che abbiamo scelto il titolo per Hero [Rebel. Una nuova Alba, nda] una volta scelto quello di Traitor [Rebel. Il Tradimento, nda]. Traitor ha determinato la struttura dei titoli della serie.
Abbiamo avuto un po' di difficoltà nello scegliere Traitor perché ero bloccata sul "of the"… Traitor of the palace, Traitor of the…  poi qualcuno mi ha suggerito "e se cambiassimo of the con to the?"
Per molto tempo abbiamo avuto Hero of the desert ma era un po' troppo generico.
E poi è successo che mentre ero in tour in America è venuta fuori la discussione sul titolo.  Stavo parlando con Renéé Ahdieh, autrice di the Wrath and the Dawn [La moglie del Califfo, nda] che è davvero brava con i titoli, la quale mi suggerisce Hero at the Fall.
Dopo qualcosa come 85 titoli diversi che erano diventati una sorta di cacofonia, mi avrebbero potuto suggerire qualsiasi titolo e mi sarebbe andato bene!
Così, alla fine, i titoli sono stati Rebel, Traitor, Hero … una sorta di progressione verso il concetto di Eroe.

D: Quale personaggio di Rebel è il tuo preferito?
R: Shazad! E' sempre stato molto importante per me che ci fossero altre donne, in modo tale che Amani non fosse l'unica ragazza, e che avesse un'amica. In una delle primissime bozze, c'era un pezzo in cui Shazad e Amani erano nemiche, ma non funzionava. E' così noioso leggere di ragazze che si mettono una contro l'altra a causa di altri ragazzi, quindi ho deciso di migliorare Shazad e ho fatto in modo tale che si rispettassero a vicenda in quanto entrambe ragazze che lottano insieme per una buona causa.
A proposito di Shazad, c'è una scena sul treno (in Rebel. Il Deserto in fiamme, nda) dove un po' di persone finiscono tra i binari. Il mio agente mi ha detto "Se anche Shazad finisce sotto il treno mi rifiuto di rappresentare il tuo romanzo!" Così ho fatto in modo che venisse salvata, altrimenti non sarei qui! [ride]

D: Che tipo di ricerche hai fatto per i tuoi romanzi, in particolare riguardo alle navi?
R:  Ne ho fatte di ricerche! Altrimenti non sarei stata capace di scrivere di navi! Sono così complicate!
Di solito non faccio questo, ma ho avuto l'idea da Rachel Hawkins, autrice di Rebel Belle [e della serie Hex Hall, nda]. Mi ha raccontato che quando ha inviato la bozza per Rebel Belle, non aveva scritto la scena finale ma aveva solo scritto tra parentesi "(poi si scatena una battaglia epica)". E così, anche io nella mia prima bozza non riuscivo a districarmi con una particolare scena che si svolge su una nave e così ho interrotto bruscamente la scena e scritto tra parentesi "Non so ancora come succederà, ma ruberanno una nave. Quindi se nella prossima scena sono a bordo di una barca, non fatevi confondere"
Poi ho parlato con qualcuno che ne capisce di navi e mi sono resa conto che non è possibile rubarne una, a meno che non ci siano almento 12 persone che sappiano come navigarla. E nella mia idea c'erano solo due persone che stavano cercando di rubare l'imbarcazione… quindi ho capito che non avrebbe funzionato!

D: Stai lavorando a qualcosa di nuovo?
R: Non posso dire molto, vedo già la mia editor che scuote la testa … posso dare solo un indizio? [chiede all'editor che è presente in sala, nda]
Okay. Sì, sto lavorando ad un nuovo progetto… posso dirvi solo che è ambientato nello stesso mondo della serie Rebel of the sands, ma con personaggi nuovi uno dei quali è pronipote di uno dei personaggi della serie Rebel.

E' stata un'esperienza fantastica! 
Alla fine del Q&A entrabe le autrici hanno firmato libri a volontà! *-*

Che cosa ne pensate?
Share your thoughts in the comments down below! 😍