30 dicembre 2015

IL SEGRETO DELLA CRISALIDE di Denise Aronica | Recensione

Carissimi Bookworms,
sono proprio felice di poter dedicare l'ultima recensione del 2015 ad un romanzo che mi è piaciuto tantissimo: IL SEGRETO DELLA CRISALIDE di Denise Aronica.
Si tratta di un libro davvero molto bello che ha saputo tenermi incollata alle sue paginette digitali fin dall'inizio. La storia di Liv mi ha emozionato come poche e credo proprio che me la porterò nel cuore per molto tempo... soprattutto per quella dose di speranza che ha saputo donarmi !
Il Segreto della Crisalide è il primo libro di Denise Aronica che ho avuto la possibilità di leggere. Il suo modo di scrivere mi è piaciuto talmente tanto che di certo andrò a recuperare il prima possibile anche La linea Sottile, il suo primo romanzo ! XD
La recensione è priva di spoiler, quindi leggete con tranquillità e lasciatevi incuriosire e tentare da questo bel romanzo.
Per ulteriori informazioni e per leggere un piccolo estratto, vi lascio il link alla presentazione del romanzo qui.

Informazioni e Trama

Titolo: Il segreto della crisalide
Autrice: Denise Aronica
Autoconclusivo
Autopubblicato
Genere: Narrativa contemporanea
Data di pubblicazione: 9 novembre 2015
Pagine: 330
Prezzo ebook: 0,99 € 

AMAZONAggiungilo su GOODREADS
TRAMA: Sono passati quasi nove mesi da quando i genitori di Olivia sono morti, ma lei non è ancora riuscita a farsene una ragione. Sa di non essere pronta a passare oltre e a lasciarli andare per sempre e non intende sforzarsi per farlo, così trascorre le sue giornate a tenere il conto del tempo che passa in modo maniacale, imbrattandosi il braccio con un pennarello, chiusa nella sua nuova camera a casa dei nonni, a leggere fino a dimenticarsi di tutto il resto. Nemmeno per Max, il suo fratellino di otto anni, è semplice riuscire a fare breccia nella solida armatura che Olivia ha costruito tutto intorno a sé e anche i nonni, pur sforzandosi di non darlo a vedere, non potrebbero essere più preoccupati per lei, che si rifiuta persino di parlare con uno psicologo. Sarà per via della sua reticenza e testardaggine a rifiutare qualsiasi tipo di sostegno che nonna Margherita prenderà una decisione drastica. Olivia sarà costretta a frequentare per un paio di mesi una sorta di centro estivo molto particolare, gestito da un’amica di vecchia data di sua madre, in cui un’equipe di specialisti si occupa di aiutare adolescenti affetti da dipendenze comportamentali. Proprio lì al centro, grazie alla compagnia di Daniel, un nerd dipendente dai videogiochi, e di Andrea, una ragazza viziata, volubile e misteriosa, Olivia riuscirà finalmente a lasciarsi andare e ad aprire un po’ il suo cuore. Il dolore per la sua terribile perdita però, continuerà ad assillarla, soffocando sul nascere ogni più piccolo sprazzo di felicità. Olivia sarà così costretta a rendersi conto che dovrà iniziare a lottare con tutte le sue forze per riuscire ad avere di nuovo il controllo sulla sua vita prima che sia troppo tardi. 

Sono passati “otto mesi, trentaquattro settimane, duecentoquaranta giorni e cinquemilasettecentosessanta ore”  dall’ultima volta in cui Olivia ha parlato con i suoi genitori, da quando un terribile incidente d’auto gliel’ha portati via entrambi, lasciando lei e il suo fratellino, Max, orfani.
Incapace di affrontare il lutto, Olivia si rifugia tra le pagine dei suoi amati libri, chiudendosi in sé stessa. Così, sua nonna, preoccupata per lei, decide di mandarla in un centro estivo in cui vengono aiutati ragazzi che, come Olivia, sono affetti da dipendenze comportamentali.

Dopo la Linea Sottile, Denise Aronica mette da parte momentaneamente il genere paranormal/ sci-fi, per  deliziarci con Il Segreto della Crisalide, un romanzo di narrativa contemporanea che affronta in maniera delicatamente accurata il problema della dipendenza comportamentale e dell’elaborazione del lutto.

Non riesco a lasciarmi il passato alle spalle e così mi rifugio nei libri.

Sebbene la lettura venga percepita spesso come un efficace rimedio per le sofferenze dell’anima, in Il Segreto della Crisalide l’amore per i libri e la necessità di rifugiarsi tra le confortevoli pareti di carta dei romanzi, acquista le movenze di una vera e propria dipendenza patologica: Olivia non riesce ad accettare la morte dei genitori e l’unico modo che conosce per evitare di pensare e di affrontare la cruda realtà dei fatti è quello di aprire un libro e abbandonarsi alle storie di altri personaggi.

Leggere è l’unica cosa che mi aiuta davvero a liberare la mente e che mi permette di estraniarmi del tutto.

Il romanzo è narrato in prima persona da Olivia, permettondoci così di esplorarne in profondità la psicologia: è stato affascinante ed emozionante poter seguire Olivia attraverso il fragile percorso di guarigione; leggere le sue continue giustificazioni di fronte alle evidenti difficoltà nel confrontarsi con la perdita dei genitori e la difesa continua della salubrità della sua dipendenza dalla lettura…
Nel Centro Estivo organizzato per aiutare ragazzi affetti da diversi tipi di dipendenza comportamentale, Olivia, privata dei suoi amati libri, sarà costretta ad affrontare sé stessa, le proprie paure e lo straziante dolore per la perdità dei suoi genitori.

Vorrei riuscire a  scoprire il segreto, capire come sbarazzarmi della mia crisalide, come uscire da questo tunnel, come liberare la farfalla che c’è in me, la stessa che sta pian piano soffocando e che se non verrà liberata in tempo non riuscirà mai a spiegare le ali.

Solo recuperando il contatto con la realtà e con le persone che la circondano, Olivia potrà trovare la forza necessaria per rialzarsi più forte di prima. Fondamentale l’incontro con Daniel, un nerd dipendente dai videogiochi e Andrea, la sua compagna di stanza che nasconde una terribile verità dietro la sua spavalderia e apparente spensieratezza.
L'amore incondizionato, privo di pregiudizi e l’amicizia nata dalle ceneri di bugie svelate, saranno la chiave per restituire ad Olivia il sorriso e la sua vita.

Il Segreto della Crisalide di Denise Aronica è un bellissimo romanzo di rinascita, capace di accendere il cuore di speranza anche nei più bui momenti di disperazione come solo la perdita di una persona amata può suscitare.
Un romanzo che merita di essere elogiato per la cura con cui è stato trattato in fase di editing e per lo stile di scrittura fluido e coinvolgente. L’autrice ha raccontato con abilità una storia mai scontata, con una trama ben costruita, riflettendo sull’argomento delle dipendenze comportamentali con la giusta competenza e mai con superficialità.

Rating in Segnalibri:
4.5

La bellissima storia di Liv e del suo emozionante percorso di rinascita.
Che cosa ne pensate?

Buone Letture,


28 dicembre 2015

Le MIGLIORI LETTURE del 2015 | Top Ten

Carissimi Bookworms,
mancano solo due giorni alla fine del 2015 ed è arrivato quindi il momento di tirare le somme di quest'anno di letture.
Il 2015 è stato un anno ricco di letture molto soddisfacenti, permettendomi di scoprire nuovi autori dalle grandi capacità e romanzi davvero originali che si sono sistemati comodamente nella mia classifica dei libri preferiti di sempre!

Prima di iniziare, qualche numero (con il magico aiuto di Goodreads):
Libri letti: 55
Pagine lette: 19.923

Qui di seguito vi mosto i migliori 10 libri letti nel 2015, non in ordine di importanza. 
Sono tutti libri che mi hanno stupito per originalità, stile di scrittura, world building e le emozioni suscitate. Libri che  vorrei sicuramente rileggere.
I romanzi citati sono stati tutti ampiamente recensiti, quindi, per non annoiarvi (e non dilungarmi troppo) vi basterà cliccare sui titoli per leggere le rispettive recensioni.


Benvenuti nella mia "galleria delle ossessioni"! 
Questi sono i primi 5 romanzi  che hanno caratterizzato il mio 2015 e penso proprio che ve ne sarete accorti, dato che non ho fatto altro che parlarvi di loro in ogni Social e sotto ogni forma!  XD

The Winner's Crime di Marie Rutkoski ha confermato il mio amore per questa trilogia romantica e ricca di intrighi politici. 
ALBION - OMBRE di Bianca Marconero è stata la rivelazione dell'anno. Durante l'estate ho avuto la possibilità di leggere il primo bellissimo volume della serie, ma Ombre ha rapidamente scalato la mia classifica dei libri più belli di sempre. Il mio consiglio? Non indugiate, leggetelo! 
A Darker Shade of Magic di V.E. Schwab mi ha sorpreso con un'avventura ricca di magia e una bella storia di amicizia.
Outlander di Diana Gabaldon è un romanzo ricco di amore e passione, costruito con un'attenzione  quasi filologica per i dettagli storici e scritto in maniera sublime. Un po' lungo, ma vale la pena conoscere Jamie Fraser!
Rebel. Il deserto in fiamme di Alwyn Hamilton è stata una vera sorpresa. In Italia la Giunti l'ha pubblicato in anteprima mondiale, dandoci la possibilità di leggere un romanzo davvero originale! 


The Darkest Minds di Alexandra Bracken. Se anche voi amate le serie distopiche tanto quanto me, ma siete proprio stanchi di leggere sempre la stessa brodaglia rimescolata, provate a leggere questo romanzo. Scritto benissimo, ambientato in un'America in declino a causa di una malattia che colpisce i bambini a 10 anni... malattia che se non uccide, dona poteri sovrannaturali che spaventano gli adulti...
A Court of Thorns and Roses di Sarah J. Maas. Libero retelling di La Bella e la Bestia, ACOTAR unisce le capacità scrittorie della Maas ad un ricco world building tutto da esplorare.
Il Tuo Meraviglioso Silenzio di Katja Millay è un romanzo emozionante, intenso dove un amore trattato con estrema delicatezza, deve confrontarsi con un trauma terribile che ha portato la protagonista a smettere di parlare.
The Scorpio Races (titolo italiano La Corsa delle Onde) di Maggie Stiefvater, ha confermato la mia ammirazione per l'autrice capace sempre narrarci storie magnifiche, avvolte dalla magia e dalla leggenda, i cui protagonisti si stampano indelebilmente nel cuore.
Last but not least, An Ember in the Ashes di Sabaa Tahir. Questo libro è stato davvero un tormentone quest'anno e protagonista del bellissimo Blog Tour al quale ho avuto l'onore di partecipare anche io! È stato pubblicato in Italia con il titolo Il Dominio del Fuoco e grazie alla sua straordinaria originalità nella reinterpretazione del Mondo Romano nel quale si inseriscono elementi magici, entra di diritto nella mia Top Ten dei migliori libri letti nel 2015.

È stato difficile selezionare solo 10 libri, per cui non potevano mancare alcune menzioni d'onore:
Snow Like Ashes di Sara Raasch, Heir of Fire di Sarah J. Maas, Lola and the Boy Next Door di Stephanie Perkins (titolo italiano Il Primo amore sei tu) e Raven Boys-Ladri di Sogni di Maggie Stiefvater.
 Quali sono i vostri libri preferiti del 2015?
(se avete scritto un articolo a riguardo, lasciate pure il link)

Sono davvero soddisfatta di quest'anno di letture e spero che anche il prossimo sia così ricco!
Presto pubblicherò anche la Top Ten dei libri più attesi del 2016 #staytuned.

Buone Letture,

22 dicembre 2015

A Book Haul BEFORE Christmas

Carissimi Bookworms,
in questi giorni sono sempre alle prese con farina, zucchero e cannella... e anche in questo momento sto aspettando che l'impasto per i biscotti si riposi, per poterla poi tagliare! XD 
Quindi, in questo attimo di "pausa" dai dolcetti, ho pensato di mostrarvi gli ultimi arrivi sugli scaffali della mia libreria, prima di Natale. Sono pochi ma buoni! 

ACQUISTI

Il primo libro che ho acquistato è  Winter di Marissa Meyer, quarto e ultimo capitolo della serie sci-fi The Lunar Chronicles (in Italia sono usciti i primi due romanzi Cinder e Scarlet, mentre il terzo Cress dovrebbe essere pubblicato nel 2016). Da quando, un po' scettica, ho iniziato a leggere questa saga, mi sono completamente innamorata del mondo e dei personaggi creati dall'autrice . Ho da poco finito di leggere Cress e posso dire a questo punto che - secondo me - la serie migliora di libro in libro! Non vedo l'ora di tuffarmi tra le pagine di Winter anche se, trattandosi di un finale, mi dispiace un po' dover dire addio un po' a tutti i personaggi... 
Il secondo romanzo che ho acquistato, proprio qualche giorno fa, è La Spada di Shannara di Terry Brooks, primo volume del Ciclo di Shannara.  Ho deciso di iniziare questa serie spinta dalla notizia dell'uscita di una serie tv prodotta da Mtv, in arrivo a gennaio. Ora posso leggermi il primo libro e godermi la prima puntata della prima stagione! <3

RICEVUTI

I due libri che vedete qui a fianco mi sono stati regalati. Ho sentito solo parlar bene di The Falconer di Elizabeth May, primo capitolo dell'omonima trilogia. 
In Italia è stato pubblicato con il titolo La Cacciatrice di Fate.
Non vedo l'ora di iniziarlo... e poi, sono andata fuori di testa per questa splendida cover!!
L'ultimo libro protagonista del Book Haul è Mind of The Phoenix di Jamie McLachlan. 
Il romanzo appartiene al genere Steam Punk (che adooorooo!!) ed ha per protagonista Moira, una ragazza con doti empatiche e psichiche, alle quali di aggiunge anche la capacità di leggere le emozioni e i ricordi... 
Insomma, la premessa è decisamente interessante.   Appena lo leggo, vi farò sapere che cosa ne penso!

Avete letto o conoscete alcuni tra questi libri?
Fatemi sapere che cosa ne pensate. 
Di quale sareste curiosi di leggere la recensione?

Buone Letture,

21 dicembre 2015

SANTA CLAUS | Book Tag


Carissimi Bookworms,
Buon Lunedì! Come procedono i preparativi per Natale?
Nei giorni scorsi ho trovato sul blog di Franci - Coffee and Books - un book tag molto carino e perfetto per contribuire a creare un po' di atmosfera Natalizia anche qui sul blog! 
Si tratta del  SANTA CLAUS BOOK TAG ideato da Serena e Sognatrice Interrotta.

CIOCCOLATA CALDA
Coccole: un libro che ti sei concessa/o e di cui avevi bisogno


La Mia Musica Sei Tu di Alessandra Angelini
Ero in un  momento in cui avevo bisogno di leggere una storia dolce, con personaggi carismatici e coinvolgenti, così mi son lasciata convincere dalle belle recensioni e dalla cover molto carina di questo romanzo. Decisamente un'ottima scelta!

ALBERO DI NATALE
Gli addobbi non possono mancare: un libro che devi assolutamente avere nella tua libreria


La Bussola D'oro di Philip Pulmann
Quest'anno la Salani ha deciso di deliziarci con una nuova, magnifica e lussuriosa edizione di La Bussola d'oro, uno dei miei libri preferiti della mia infanzia. Spero di riuscirlo a prendere il prima possibile... starebbe divinamente sulla mia libreria ! XD


BABBO NATALE
E' la mattina di Natale: il più bel libro che ti è stato regalato


Senza ombra di dubbio dico Cime Tempestose di Emily Brontë
Mi è stato regalato tanto tempo fa da mia nonna e sono estremamente affezionata a questo libro  

LUCI COLORATE
Il sorriso non manca: un libro che infonde allegria


Lola and the Boy Next Door di Stephanie Perkins 
(titolo italiano: Il Primo Amore sei tu)
I romanzi della Perkins mi piacciono incredibilmente e le sue storie mi lasciano sempre una grande serenità e allegria nel cuore. Tra quelli che ha scritto, questo è il mio preferito! 

REGALI
Fiocchetti e carte colorate: quale libro regaleresti?


Regalerei Albion di Bianca Marconero. 
Mi è rimasto mel cuore e vorrei regalarlo a più persone possibili, per poterne parlare con chiunque! XD

PRANZO DI NATALE
Siamo tutti riuniti: una famiglia di una storia che ti è entrata nel cuore


Harry Potter e La Camera dei Segreti di J.K.Rowling
Posso non menzionare la fantastica famiglia Weasley?! 
La loro chiassosa e numerosa famiglia è l'emblema dell'affetto famigliare, nonostante le diversità e le difficoltà.

BISCOTTI
Una pagina tira l'altra: un libro da cui è stato impossibile staccarsi


Raven Boys di Maggie Stiefvater
Ricordo di averlo letto in pochissimo tempo ed ogni volta che ero costretta ad interrompere la lettura, continuavo a pensare a ciò che era successo, a Gansey, Blue e gli altri. 

FIOCCHI DI NEVE
Il paesaggio si trasforma: un libro in cui hai sentito la magia


A Darker Shade of magic di V.E. Schwab
(E qui devo assolutamente "copiare" Franci! XD)
Adoro ADSOM, uno dei miei preferiti del 2015... è semplicemente intriso di magia! 

GHIRLANDA
Decoriamo: un libro ricco di colori e bellezza


 L'edizione Illustrata di Harry Potter si addice perfettamente a questa domanda: i disegni sono bellissimi e non c'è pagina in cui non vi sia almeno una spruzzata di colore.

INVERNO
Guanti e sciarpa: un libro con una trama invernale


Ti amo Già da un po' di Tania Paxia.
Romanzo carinissimo, ambientato d'inverno, nel periodo Natalizio! Perfetto, no? 


Spero che il tag vi sia piaciuto!
Ora sono curiosa di leggere le vostre risposte!!  

Buone Letture,




20 dicembre 2015

Spotlight on... LO SPAZIO TRA NOI di Milena Porta - NIENTE DI UFFICIALE di Katia Anelli

Carissimi Bookworms,
nuovo appuntamento con la rubrica Spotlight on... ! Oggi vorrei parlarvi di due romanzi: il primo è Lo Spazio tra di Noi di Milena Porta...

 Informazioni e Trama

Titolo: Lo Spazio tra di noi
Autrice: Milena Porta
Editore: (selfpublished) Narcissus
Prezzo:0,99
Genere: fantasy-paranormal/ fantasy-romance (YA)
Data uscita: 4 luglio 2015
AMAZON
Sinossi
Dorotea, occhi grigi luminosissimi e qualche riflesso blu tra i capelli neri, ha diciotto anni e sta per diplomarsi. Vive con Melinda che si è sempre presa cura di lei sin da quando l’ha trovata abbandonata sulla spiaggia in una gelida mattinata di inverno.
La sua vita cambia inaspettatamente quando un gruppo di ragazzi affascinanti arriva in città. Uno di loro, Dixon, inizia a frequentare la sua stessa scuola. Tra i due ragazzi è odio a prima vista. Per Dorotea lui è insensibile, arrogante e …. bellissimo. La situazione di certo non migliora quando Dixon le si avvicina facendole strane domande. Dice di essere un alieno e che anche lei lo è. Dorotea proprio non gli crede, anzi pensa voglia solo prendersi gioco di lei. Ben presto, però, le ragazze di Nausica cominciano a sparire e Dorotea si trova ad indagare su un fitto mistero affiancata da un impensabile alleato: il compagno di classe Pietro. Col suo aiuto e la complicità di Agesilao, un gatto dagli strani poteri, Dorotea tenterà di trovare una risposta alla sua domanda: Chi è  veramente Dixon e cosa vuole da lei?

Guardo un piccolo masso più a est coperto da un grosso cespuglio di acacia. E’ lì che Melinda mi ha
trovata. Mi domando chi mai avrebbe il coraggio di abbandonare una neonata inerme su questa spiaggia in pieno inverno. Scuoto la testa. La gente è così imprevedibile! Se Melinda non avesse sentito il mio vagito sarei morta? Probabilmente sì.
“Il mare è splendido da queste parti, vero?”
Sobbalzo nell’udire quella voce. Cado giù dalla vetta dei miei pensieri e lo guardo. Ha le maniche arrotolate, i capelli mossi da una leggera brezza. I suoi occhi sono come specchi, di un blu profondo come questo mare.
“Lo penso anche io” concordo.
Mette le mani nelle tasche dei jeans e i nostri sguardi si incontrano.
“Quando è arrivata la tua navicella?”
Rimango interdetta, ho forse capito male?
Poi colgo la sua espressione seria. Scoppio a ridere reclinando il capo.
“Di cosa stai parlando?”
Dixon inclina leggermente il volto “Non hai recepito nessuno dei miei telepensieri?”
Corrugo la fronte.
“Cosa c’è che non va?” mi chiede.
Dixon ha voglia di giocare, è così strano!
Sto al gioco. “Non lo so” mi limito a dire e mi metto a braccia conserte “E poi di che ti impicci? Vuol dire che andrò dal meccanico appena possibile”. La butto sul ridere convinta di fare una battuta. Dixon scuote la testa e mi inchioda con lo sguardo.
Improvvisamente è come se i miei piedi non toccassero più terra, sto volando in quel blu.
Vedo tutto blu, come un’onda gigante che si abbatte su di me e mi trascina con sé.
“Parlavi di navicelle” dico giusto per spezzare quella sensazione. “La tua quando è arrivata?” sono proprio curiosa di sapere cosa si inventerà.
“Un anno fa all’incirca” si fa pensieroso, “Secondo i calcoli terrestri, voglio dire”.
Sollevo un sopracciglio, divertita.
Dixon allarga le braccia esasperato “Senti, l’ho notato subito che sei una di noi, va bene?”
Una di noi chi?
“Non mi avresti passato i pop corn quella sera se non te lo avessi ordinato con la mente e poi hai i riflessi pronti più di chiunque altro”.
Non pronuncio una sola sillaba mentre continuo a guardarlo negli occhi.
“Non serve fingere con me e Zefiro, ok?” un sorriso malizioso si allunga sulle sue labbra.
O Dixon è decisamente fuori di testa o le cose si stanno mettendo davvero male.  Ma, calma! Non può essere vero quello che dice. “Molto divertente da parte tua” sorrido “Dove è che hai imparato questa storia?”
Dixon corruga la fronte “Senti, devi farti vedere subito da un gran maestro”.
Accarezzo con lo sguardo la sua mascella, i suoi zigomi, il profilo del naso, poi risalgo agli occhi. E’ così serio! Mi mordo la lingua per non ridere e scalcio via una conchiglia arenata nella sabbia umida. “Sì, credo che lo farò” rispondo con il massimo grado di ilarità impresso nella voce.
“Allora?” insiste Dixon prendendo a scavare con la punta delle sue Nike nere la sabbia.
“Quale è il nome della tua navicella?”
Certo che si è proprio fissato con questo gioco, eh? Cosa gli frulli per il cervello non lo so, ma nessun ragazzo ha mai pensato di abbordare una ragazza in questo modo.
Continuo ad assecondarlo “Xaria” butto lì il primo nome strano che mi sale in mente.
“Xaria?” mi guarda perplesso “E il numero di targa?”
Sto per rispondergli che il numero di targa non è granché come domanda, ma poiché attende impaziente che io mi esprima, lo faccio “duecentododici” getto lì il numero civico di Eliana.
Il secondo romanzo di oggi è invece il nuovo libro di Katia Anelli, Niente di Ufficiale.

Informazioni e trama




TITOLO: Niente di ufficiale
AUTORE: Katia Anelli
EDITORE: Self-publishing
GENERE: romanzo rosa
Prezzo: €1.59
Disponibile dal 16 dicembre 2015
AMAZON

TRAMA:
Sara è una giornalista freelance che per mantenersi lavora come impiegata in una concessionaria, ma finalmente ha l'occasione di fare carriera.
Due uomini sulla sua strada. Andrea: sexy, travolgente ed impenetrabile. Tommaso: attraente, ammiccante e disponibile.
Un terribile naufragio. Un processo. Un reportage da realizzare.
Tutti quanti vogliono conoscere la verità... ma Sara saprà reggerla?


Lasciati andare, Sara. Spogliati
La sua bocca sul mio collo, i suoi palmi sulla parte bassa della mia schiena che s’insinuano sotto l’orlo del vestito fino ad afferrarmi le natiche mentre la sua lingua s’infila nella mia bocca facendo l’amore con la mia…
«Sara?»
E la sua eccitazione, il suo respiro affannato contro il mio orecchio, le sue mani sui miei seni, i suoi occhi e quel cipiglio… Dio mio…
«Sara? Sara!»
«Ehm?» salto agitata sulla sedia sentendo che qualcuno mi chiama ed un secondo dopo mi rendo conto che sono in ufficio e che davanti a me ci sono una sconcertata Jessica ed un divertito signor Pittani che reclamano la mia attenzione.
Le guance mi prendono fuoco immediatamente.
«Sìììììì?» rispondo con la voce stridula, «Sì, cosa c’è?»
Pittani dissimula la mia distrazione chiedendomi le pratiche di noleggio archiviate il mese precedente e una volta che l’ho accontentato, passandogliele, torna nel suo ufficio senza fare commenti.
Lo stesso, purtroppo, non posso dire di Jessica che non appena restiamo sole mi continua ad osservare con un sorriso furbastro alla – Tu non lo dici, ma tanto lo so quello che hai fatto - che ha stampato in faccia da circa una settimana.
«Smettila Jessica¬» l’avverto.
«Non sto facendo niente… cosa dovrei smettere?» mi chiede naif.
«Di guardarmi con quel sorrisino d’intesa. È tutta la settimana che lo fai» le dico concentrandomi sullo schermo del computer e tornando ad occuparmi di quello che stavo facendo prima che i miei pensieri mi tradissero.
«Avanti Sara… sabato scorso ti ho vista allontanarti con quel gran gnocco della Carrera ed è tutta la settimana che alterni lo sguardo assente e trasognato a quello triste e sfigato che meglio ti rappresenta, ma che è più sfigato del solito»
«Sei sempre così gentile, Jessica…»
«Dai… allora? È così tenebroso anche a letto? È di quelli che ti prendono ti sbattono al muro e ti scopano togliendo lavoro ai neurologi?»
«Innanzitutto cosa cavolo stai dicendo e poi perché dai per scontato che ci sia andata a letto?»
Alza un sopracciglio alla – Ma per favore –
La guardo truce.
«Sara, neanche l’anima pia che c’è in te riuscirebbe a resistere a quel succulento boccone quindi risparmiami le cazzate e racconta un po’ com’è… direi che me lo devi»
«Io non ti devo proprio niente»
«Oh sì invece che me lo devi perché se non avessi dovuto correre a casa dal mio adorato Pucci, ora sarei io quella seduta a dar vita ad un revival dei miei orgasmi»
«Io non stavo… Jessica, finiscila!»
«Pensi di vederlo di nuovo?»
«No!» le rispondo stizzita.
«Ohi, ohi… ecco spiegato il perché dei tuoi sbalzi d’umore… il gran gnocco è un seguace del One night stand »
«Jessica, non hai niente da fare? Tipo occuparti del tuo lavoro?»
«È un atteggiamento più che normale e tipico di questi uomini del nuovo millennio. Non devi star lì a farti venire il mal di testa, a chiederti se hai sbagliato qualcosa o dove hai sbagliato. La storia della brava ragazza che fa battere il cuore dello sconosciuto principe azzurro è tutta una stronzata buona solo a far vendere qualche copia di qualche romanzo rosa. Direi che la vita non è così, ma comunque io sto trovando la soluzione»
«Quale?» mi sfugge dalle labbra smaniosa di seguire fino in fondo il suo primo abbozzo di un ragionamento sensato.
Mi sento orgogliosa come una madre che vede il proprio figlio fare i primi passi.
«Non penso che sia un caso se in tutti i vissero felici e contenti della storia le protagoniste gliela fanno sudare prima di dargliela. Prendi quella ninfomane di Biancaneve. Dorme nel letto di tutti i nani, ma in tutta la storia dal principe azzurro si lascia solo baciare e probabilmente non lo ferma prima solo perché è stata drogata...»
Ok. Ora mi sento come una mamma che ha appena visto il proprio figlio fare, inerme, un incredibile capitombolo giù dalle scale.
Sospiro.
«Fammi capire. Mi stai suggerendo di fare un’orgia con dei nani, ma di non concedermi, mai e poi mai, al principe azzurro?»
«Bè, più o meno… magari non sceglierli proprio nani, sai quello che si dice a proposito delle proporzioni riguardanti l’altezza…»
«Oh Signore! Jessica dacci un taglio! Non dire una parola in più!» l’avverto.
«Mmm… come sei suscettibile… quello che ti serve, ora che hai oliato il motore è mandarlo un po’ su di giri… vuoi che ti passi il numero di qualche circuito a giro sicuro che mi sono già fatta?» mi domanda facendomi l’occhiolino.
Sto per risponderle quando un trafelato Dott. Mariani, dallo sguardo perennemente arrossato ed arcigno, entra dalla porta.
«Lei!» richiama la mia attenzione con voce scorbutica, «Ha finito con quei contratti? Le avevo chiesto di farmeli avere un’ora fa!»
«Ha ragione Dott. Mariani, mi scuso. Ho quasi terminato»
«Il mio pesce rosso saprebbe essere più efficiente! Mi sembra che lei abbia preso questo lavoro un po’ troppo sottogamba! Quando dico che voglio che mi porti a termine un lavoro immediatamente significa che lo voglio prima di subito! Sono stato abbastanza chiaro?» strilla diventando sempre più rosso e tanto è il suo fervore che gli si sposta anche il parrucchino.
«Mi perdoni Dott. Mariani, mi scuso per l’attesa»
«Non me ne faccio niente delle sue scuse! Stia pur certa che avrò modo di parlare con Pittani delle sue mancanze!» asserisce uscendo come una furia dall’ufficio.
«Ma che gli hai fatto?» mi chiede Jessica, sconcertata.
«Evidentemente i contratti a cui sto lavorando sono molto importanti» le spiego vaga, mi stupisce che si sia resa conto che c’è qualcosa che non va.
«Sarà...» poi la sento sbuffare, «Oh ma tu guarda! Non riesco a crederci!» strilla.
«A cosa?»
«Ho appena trovato un sito che vende le borse di Prada a metà prezzo!» mi dice tutta esaltata.
Meno male. 
Almeno sul fronte Jessica è tutto nella norma.
Buona domenica e buone Letture,


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...